Acquisto dei buoni pasto: tutto ciò che c’è da sapere

Acquisto dei buoni pasto: tutto ciò che c’è da sapere

19/04/2023

I buoni pasto sono tra i benefit aziendali più diffusi e apprezzati, da parte sia dei collaboratori, sia delle imprese italiane. Che differenza c’è tra il formato cartaceo e quello elettronico? Come scegliere il partner giusto per la propria azienda? Come acquistare i buoni pasto?
L’obiettivo di questo articolo è rispondere a ogni eventuale dubbio sul tema.
Continua a leggere per trovare le informazioni di cui hai bisogno!

Acquisto buoni pasto per l'azienda: come funziona?

I buoni pasto sono un potente strumento di welfare che permette di aumentare il potere d’acquisto dei dipendenti, creando valore all’interno dell’azienda e incentivando la soddisfazione dei collaboratori. Ecco perché, anche grazie ai vantaggi di natura puramente fiscale, sempre più datori di lavoro scelgono di inserire questa soluzione all’interno del piano welfare dei propri dipendenti.

Per poter garantire questo benefit, il primo passo è l’acquisto degli stessi, da parte dell’impresa presso la società emettitrice. Ma come funziona questo processo? E come scegliere il partner più affidabile e affine ai valori aziendali?


Cosa sapere prima di acquistare buoni pasto in azienda: la normativa fiscale

Ogni azienda, che decida di fornire buoni pasto ai propri dipendenti, deve conoscere a fondo quelli che sono i vantaggi fiscali di questo benefit. A tal proposito, che cosa dice la normativa in merito?

Secondo la Legge di Bilancio 2020, i buoni pasto risultano totalmente esentasse entro la soglia di 8 euro per quelli elettronici e di 4 euro per quelli cartacei. Questo significa che il datore di lavoro ha la possibilità di offrire ai collaboratori un reddito annuo destinato all’alimentazione di circa 1.760 euro (carnet elettronico) e 880 euro (carnet cartaceo) totalmente detassati.

Inoltre, i costi sostenuti per offrire ai propri collaboratori questo benefit sono deducibili ai fini delle imposte dirette e l'IVA è interamente detraibile.


Buoni pasto: come funziona l’acquisto dei buoni elettronici e cartacei?  

Come sappiamo, i buoni pasto si distinguono in elettronici e cartacei, per formato e modalità di gestione e utilizzo. In particolare, i buoni elettronici, si presentano sotto forma di card elettronica dotata di chip, che gli utilizzatori possono usare come un semplice bancomat. C’è anche l’opportunità di utilizzare i buoni pasto direttamente tramite smartphone: è il caso di Sodexo Multi, la smart card per la gestione dei buoni pasto elettronici che permette di fare pagamenti tramite Mobile App. Al contrario, nel caso del formato cartaceo, troviamo un carnet all’interno del quale i voucher riportano il valore facciale del buono pasto, la scadenza e lo spazio per la firma dell’utilizzatore.

Esistono, poi, soluzioni alternative che abbracciano il digitale e l’innovazione. Ad esempio, Sodexo mette a disposizione dei datori di lavoro, la possibilità di richiedere, per i propri dipendenti, la Virtual Card Sodexo Multi. Si tratta di una card 100% virtuale che permette di slegare gli utenti dal vincolo della card fisica. In questo modo, tramite la mobile App MySodexoBenefits, gli utilizzatori potranno gestire i buoni direttamente dal proprio smartphone.

Come si può intuire, acquistare i buoni pasto elettronici o virtuali risulta  più immediato. La gestione degli ordini e delle spedizioni risulta ottimizzata, perché le card nominali sono spedite all’attivazione del servizio e possono essere ricaricate in modo rapido, attraverso un portale dedicato all’ufficio amministrativo. Per quanto riguarda i buoni pasto cartacei, invece, dal punto di vista operativo, infatti, al processo di ordine e spedizione da parte della società emettitrice segue la distribuzione dei blocchetti ai collaboratori a cui spettano.

Per fare la scelta più adeguata alla propria azienda e rispondere alle reali esigenze dei propri dipendenti, è sempre bene affidarsi a un consulente: gli esperti Sodexo sono in grado di consigliare la soluzione ideale, in base alle specifiche necessità.


Buoni pasto elettronici: i vantaggi nell’acquisto

Un ulteriore aspetto da considerare riguarda l’ottimizzazione delle procedure interne. Con la versione digitale dei buoni pasto, è sufficiente consegnare al momento dell’attivazione la tessera personale ai collaboratori. Dopodiché, ogni mese, può essere comunicato in modo semplice il valore da caricare su ogni card.

Gestendo il processo di caricamento dei buoni pasto da remoto e in modo autonomo, gli uffici che si occupano delle pratiche gestionali e di amministrazione del personale potranno dedicare più tempo ad altre attività strategiche.

Digitalizzando i processi di ordine e consegna, non è più necessaria la presenza fisica dei collaboratori per la distribuzione dei buoni pasto. Si tratta di un elemento degno di nota per le imprese - di tutte le dimensioni - che hanno integrato nuovi modelli lavorativi, come lo smart working, e procedure digitali.


Come scegliere il partner giusto per l’azienda?

Sono diversi gli aspetti da considerare, nella valutazione del partner ideale tra i fornitori di buoni pasto. Il primo consiglio è quello di affidarsi a una società emettitrice che non si limiti a elencare le condizioni di servizio e i prodotti offerti, ma sia in grado di definire un piano personalizzato, mirato a rispondere alle esigenze emerse in una fase di analisi preliminare.

La consulenza di un partner strategico in tutte le fasi è indispensabile anche per garantire una gestione ottimale delle pratiche amministrative.

Inoltre, è bene vagliare con attenzione una serie di elementi come:

  • la vastità della rete di esercenti convenzionati presso cui i collaboratori possono utilizzare i buoni pasto. I Buoni Pasto Sodexo, ad esempio, sono utilizzabili presso una rete di più di 100.000 esercenti tra negozi fisici ed e-commerce, per offrire agli utilizzatori la massima flessibilità e libertà di scelta;
  • la semplicità del servizio e dell’utilizzo. Sodexo, infatti, offre soluzioni a misura di utente, per garantire la massima comodità d’utilizzo sia fisicamente, sia online tramite l’app MySodexoBenefits;
  • la praticità del portale previsto dal fornitore per gestire gli ordini da remoto.

Nell’articolo di oggi, abbiamo visto come acquistare i buoni pasto in modo rapido e sicuro sia possibile, anche da remoto. Dopo aver analizzato la differenza tra il processo d’acquisto dei buoni pasto elettronici e cartacei, abbiamo posto l’accento sull’importanza di trovare un partner affidabile in grado di proporre soluzioni di welfare su misura e adatto alle esigenze di ogni impresa.

Se desideri conoscere tutte le soluzioni a disposizione delle imprese per dimostrare vicinanza e sostegno ai collaboratori, prenota una consulenza gratuita e personalizzata con gli esperti Sodexo!

https://blog.sodexo.it/buoni-acquisto-pluxee?lead_nature=Online%20Leads&lead_origin=Blog &source2=Organic%20Search